I Expo Innovazioni Didattiche
L'AMARI ospita la 1° expo delle innovazioni didattiche
Offball
L'AMARI organizza il 3° campionato scolastico Offball
Progetto LIS
Apprendimento del linguaggio dei segni
Le tradizioni
Il Carnevale a Riposto
Clownteraphy
Il valore di un sorriso
Clownterapy
Alternanza scuola-lavoro all'ospedale di Taormina
Olimpiadi Storiche
Accensione del tripode
Olimpiadi Storiche
Olimpiadi Storiche
Atleti in campo
Olimpiadi Storiche
Liceo Matematico
Festa del Liceo Matematico
Liceo Matematico
Presentazione lavori
Liceo Matematico
Presentazione lavori
Ulisse eroe di ieri e di oggi al centro del Mediterraneo
Ulisse
Ulisse eroe di ieri e di oggi al centro del Mediterraneo
Arrivo ad Itaca
Una città per la Costituzione
Manifestazione a Cinisi
Progetto Erasmus

Sabato 7 e domenica 8 ottobre si è svolto l’evento “La mela di AISM 2017”, organizzato dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla. 

L’evento  prevede la vendita di mele in tutte le piazze d’Italia a favore della ricerca.  Ho partecipato con gioia a  questo evento assieme ad alcuni miei compagni del Liceo delle Scienze Umane.  Pensavo che non sarebbe stato facile trovare gente ben disposta, che potesse comprendere il perché di ciò che stavamo facendo e pronta ad offrire un piccolo aiuto economico.

 Sentiamo spesso parlare di sclerosi multipla, ma solo chi è affetto dalla malattia o la vive in famiglia  sa come sia vivere con una malattia che ti assale e  peggiora con progressivi dolori e disagi.

Pensare a chi soffre quotidianamente per questa patologia mi ha portato a far parte di questo evento. Come ho accennato, Inizialmente ero molto titubante, ma oggi non rimpiango nemmeno un secondo trascorso come volontario per l’ AISM

Personalmente è stata una bellissima esperienza girare in piazza San Pietro a Riposto con gli altri volontari cercando di raccogliere fondi per la ricerca, sensibilizzare e far conoscere cosa sia  la sclerosi multipla. Molte persone si sono rivelate disponibili e sensibili su questo argomento, altre invece ci hanno mandato via inventando innumerevoli scuse, ma nonostante tutto, nonostante il freddo e il vento, io e i miei compagni abbiamo continuato perché  crediamo nella solidarietà. Se mi venisse richiesto, parteciperei  nuovamente a questo evento, per sensibilizzare  persone e  raccogliere più fondi per la ricerca, perché l’AISM ha bisogno di atti concreti. Solo con la ricerca , infatti,  si può sconfiggere la sclerosi multipla. Grazie  alla prof.ssa Velardita e alle altre docenti che ci hanno accompagnato  in questa esperienza.

                                                                                                                                            Angelo Saturnino